Artroprotesi dell'anca per via anteriore

Paziente donna di anni 68 che, in seguito a caduta, si procurava una frattura della parete antero-superiore dell'acetabolo dx che era associata alla lussazione ed a grave instabilità dell'anca, come è tipico di questi casi.



Questa frattura è altamente instabile. Si caratterizza per una lussazione incontenibile. Si noti inoltre l’importante danno dell’epifisi femorale e la presenza di un frammento intrarticolare incarcerato





Dati i danni associati della testa del femore, si decideva di procedere alla ricostruzione dell'acetabolo ed all'impianto di un'artroprotesi per via anteriore.

La paziente riprendeva prontamente la deambulazione e la sua vita di relazione.